Eravamo in auto, stavamo andando all’inaugurazione del Guacamole, l’ultimo lavoro consegnato, quando mi chiama un collaboratore dalla produzione.

“5 camion non bastano”

Non esito: “prendiamo il sesto, martedì la merce deve partire”

Stavamo consegnando l’arredo per la Borsa del Kazakistan, il nostro lavoro più grosso fino ad ora.

Si trattava di arredare un ambiente enorme, e la difficoltà più grande è stata mantenere una identità, anche negli spazi vuoti, anche sulle grandi superfici e nei lunghi corridoi

 

Avevamo scelto di rivestire interamente tutta la superficie, per non lasciare niente al caso, niente di non gestito.

E così è stato.

 

 

 

 

 

 

I 6 camion sono partiti, la merce è stata consegnata e i montatori si sono messi immediatamente all’opera.

Si parla di 6km di elementi, centinaia di pannelli e inserti in legno e accostamento di materiali esclusivi per mantenere eleganza e praticità.

Previous Post

Ci raccontiamo

In questo blog proviamo a raccontare come nascono i progetti.

Il percorso dalla prima stretta di mano fino alla consegna è molto lungo e insidioso.

Speriamo sia un piacere camminare insieme a noi